Il Castello Carlo V di Lecce

Il Castello Carlo V di Lecce

27 Febbraio 2022 0 Di Leonardo

Photo Credit: Terrasque, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Nel cuore di Lecce, il castello difensivo voluto dall’imperatore Carlo V è un luogo ricco di storia, dove è possibile assistere a mostre e visitare un Museo della Cartapesta. Questa maestosa fortificazione nel centro di Lecce, a pochi passi da Piazza Sant’Oronzo, segna il punto di incontro tra il centro storico e il centro moderno. Oggi è sede dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce, scenario di numerose iniziative culturali.

La storia del castello di Lecce

Il Castello di Lecce, noto come Castello di Carlo V dal nome dell’imperatore Carlo V d’Asburgo, conserva ancora in tutto il suo splendore dal XVI secolo. Fu lui a volere la costruzione di una fortezza militare che oggi si trova proprio nel centro di Lecce vicino a Piazza Sant’Oronzo. Ancora oggi, il portale d’accesso è sormontato dallo stemma imperiale degli Asburgo.

Per poter costruire il Castello fu necessario demolire il Convento dei Celestini, l’annessa Chiesa di Santa Croce e l’antico palazzo. Il Convento e la Chiesa furono ricostruiti in via Umberto I.

Nonostante abbia subito nel corso dei secoli diversi rifacimenti, la struttura conserva la sua originaria base trapezoidale con quattro massicci bastioni a punta di freccia su ciascun angolo. Una corte interna separa due corpi di fabbrica concentrici. Risalenti a diverse epoche, testimoniano le varie fasi della storia del Castello.

C’è una leggenda legata a questo castello: si narra che la famiglia proprietaria di questo castello nel XIV secolo, gli Orsini del Balzo, tenesse un orso bianco nel fossato del castello. Questo animale era uno status symbol e, allo stesso tempo, teneva alla larga i predoni.

Si entra dalla Porta Reale che dà accesso alla corte interna del Castello. In passato l’edificio aveva funzioni militari, tanto da avere un fossato lungo tutto il suo perimetro (oggi scomparso) e si possono ancora vedere i punti dove erano collocati i pezzi di artiglieria. Dal 1870 al 1979 divenne caserma fino a quando l’Amministrazione Militare la cedette al Comune di Lecce.

Da non perdere i sotterranei del castello, che passano al di sotto del fossato. Oggi è visitabile solo la galleria sud che collega la torretta di San Giacomo alla torretta della Trinità mentre la galleria est è solo in parte visibile ed è in attesa di essere riqualificata.

All’interno del Castello è possibile visitare il Museo della Cartapesta dedicato a una delle forme d’arte più caratteristiche a Lecce e nel Salento. Non a caso se percorrete le vie del centro storico di Lecce troverete di tanto in tanto dei piccoli laboratori artigianali di cartapesta. È la lavorazione di carta e stracci inumiditi con colla vinilica (un tempo si usava una colla a base di farina) per creare forme che in genere rimandano al mondo religioso o alla vita di tutti i giorni.

Il Castello ospita mostre d’arte ed eventi culturali , offrendo così ai visitatori la possibilità di ammirare la sua rigorosa architettura esterna, tipica delle strutture difensive cinquecentesche, e la sua ricca decorazione interna.