Museo della Marineria Cesenatico

Museo della Marineria Cesenatico

18 Ottobre 2021 0 Di Leonardo

Un museo galleggiante a cielo aperto è quello che a Cesenatico onora la storia marittima della città. Unico esempio di museo galleggiante esistente in Italia, il Museo della Marineria trova spazio nella parte più antica del porto di Cesenatico, raccontando tanti secoli di storia marinara fatta di piccole e grandi vicende legate alle barche, alla pesca e ai traffici marittimi.

Il Museo, nato all’inizio degli anni Ottanta, non è solo la sintesi di secoli e secoli di civiltà marinara tipica dell’Adriatico, ma è anche un’efficace quadro  del particolare ruolo svolto dal porto di Cesenatico negli anni.

La storia marittima in un museo galleggiante

I visitatori qui non si troveranno a dover ammirare dei reperti dietro a una vetrina: l’esposizione principale è composta da dieci tipiche barche a vela (restaurate e riattivate) dell’alto e medio Adriatico, adibite alla pesca e al traffico marittimo.

Trovano dunque spazio il Bragozzo e il Bragozzo di mare aperto (piccole barche a vela), la Battana e la Top (barche a fondo piatto), la Lancia (varo), il Trabaccolo da pesca e il Trabaccolo da trasporto, la Paranza e il Barchét (barche da pesca di medie dimensioni), su cui in estate è possibile imbarcarsi per visitare le cabine e l’ampia stiva.

Due imbarcazioni attraccate sul ponte sono idonee alla navigazione e partecipano in estate a gite dimostrative e raduni di barche d’epoca, arrivando ogni anno fino a Chioggia e Venezia.

Queste imbarcazioni testimoniano l’importanza del porto di Cesenatico nella vita sociale, culturale e politica della città.

La sezione galleggiante del museo è poi affiancata e arricchita dall’allestimento “a terra”, dove il pubblico può ammirare vari aspetti della marineria. Oltre ad essere presenti altre imbarcazioni, un trabaccolo e un bragozzo, nella parte dedicata alle tecniche costruttive è possibile toccare con mano i semplici materiali e le tecnologie con i quali l’uomo ha navigato per millenni.

Estremamente interessante è anche l’allestimento di una bottega ottocentesca di carpenteria navale, acquisita in blocco e riallestita dentro al museo. Viene dunque abbracciata una storia secolare, che va dai relitti del Seicento fino alle ancore più moderne.

Ciò che rende unica ed emozionante la Sezione Galleggiante del Museo sono soprattutto le vele , decorate con colori sgargianti con i simboli delle diverse famiglie di pescatori: una tradizione che è diventata una vera e propria “araldica marinara”.

Le vele vengono issate e ammainate tutti i giorni a partire da Pasqua e fino alla fine di ottobre, compatibilmente con le condizioni meteo.

Nel periodo natalizio si svolge il tradizionale presepe sulle barche: il Museo della Marina è illuminato di luci ed è animato da statue artistiche che raccontano la storia della Natività in stile marinaro.